TripToFun

"Non per un Dio ma nemmeno per gioco, perchè i ciliegi tornassero in fiore"

 

About Me

Mikipedia

Medicina

Scuola e co.

Fotografia

Letteratura

De Andrè

Stranezze

Zona Relax

Ipse Dixit

Guestbook

Links

Mappa del Sito

 

 

 

Materiale Didattico

 

Fisiologia

Anatomia  

Istologia 

Biologia 

Biochimica 

Fisica  

 




Universo Universitario


Ipse Dixit Docenti 

Libretto Docenti 

Riflessioni

 

 

 

S.m.s. Antonio Meucci          Liceo classico M.D'Azeglio             Università degli Studi di Torino, Medicina e Chirurgia

 

MEDICINA E CHIRURGIA

 

 

IL LIBRETTO DEI PROFESSORI




Chi non ha mai desiderato di poter dare i voti ai propri professori? Certo di recente con l'introduzione dei questionari sulla qualità forniti dall'università stessa questo desiderio è in parte appagato ma io personalmente non amo tutte quelle crocette e il dover valutare il significato della domanda tra le righe quindi ho deciso di sbizzarrirmi qui. Di seguito sono riportati tutti i "libretti" dei docenti universitari con i voti da me assegnati. Inutile precisare che si tratta di miei personalissimi giudizi, del tutto non autorizzati.
 


LEGENDA


UMANITA' umanità indica la capacità di costruire un dialogo, un legame con gli studenti, valuta la persona in sè, non il professore come figura professionale.

SIMPATIA non ha nulla a che fare con l'umanità, è la capacità di intrattenere e fare battute simpatiche.

PREPARAZIONE indica quante cose sa il professore, il che non significa che sia in grado di trasmetterle con altrettanta abilità.

DIDATTICITA' misura la capacità di trasmettere il proprio sapere agli altri: le lezioni sono chiare, ben organizzate, le spiegazioni sono esaurienti?

DISPONIBILITA' indica quanto il prof è disponibile a chiarire dubbi sia a lezione che in separata sede, se fa visionare i compiti con facilità e se dà informazioni di vario genere

REPERIBILITA' quanto rapidamente risponde alle mail (se risponde) se sia reperibile di persona e ti riceva senza mandarti a stendere

ALEATORIETA' quanto la correzione/le domande dipendono dall'umore del momento, da sviste o da fretta (questo dato è espresso in una scala da 0 a 5)

IMPARZIALITA' quanto si fa influenzare dall'apparenza, dall'aspetto fisico, dall'abbigliamento, dall'opinione che ha di te sia in bene che in male (ad es. se hai fatto domande stupide o molto intelligenti, se ti sei già presentato all'esame e ti ha bocciato/ hai rifiutato il voto etc.)

PERSONALE come personalmente sono stata trattata all'esame. Spesso si discosta dal giudizio complessivo in quanto il giudizio complessivo fa riferimento a tutti gli esami a cui ho assistito e a episodi accertati che mi sono stati riferiti mentre quello personale fa riferimento solo al mio esame


 




INDICE

TERZO ANNO:

Oliviero Danni

Maurizio Parola

Giuseppina Barrera

Manuela Aragno

Luigi Sena

Rossana Cavallo

Dario Roccatello

Giampiero Pescarmona

Vittorio Gallo

Maria Felice Brizzi

Paolo Mulatero

Franco Corno

Franco Cavallo

Carla Zotti

Donato Munno

 

SECONDO ANNO:

Pier Giorgio Montarolo

Filippo Tempia

Fabrizio Benedetti

Mirella Ghirardi

Giuseppe Migliaretti

Mirella Giovarelli

Chiara Merlino

Annamaria Cuffini

 

PRIMO ANNO:


Maria Itala Ferrero

Marco Piccinini

Emilio Hirsch

Emilia Turco

Guido Tarone

Ferdinando Di Cunto

Maria Teresa Rinaudo

Livio Trusolino

Paolo Comoglio

Francesco Turrini

Dario Cantino

Fabio Malavasi



 

 

TERZO ANNO:

 

OLIVIERO DANNI

 

up

 

 

MAURIZIO PAROLA

 

up

 

 

GIUSEPPINA BARRERA

 

up

 

 

MANUELA ARAGNO

 

up

 

 

LUIGI SENA

 

up

 

 

ROSSANA CAVALLO

 

up

 

 

DARIO ROCCATELLO

 

up

 

 

GIAMPIERO PESCARMONA

 

up

 

 

VITTORIO GALLO

 

up

 

 

MARIA FELICE BRIZZI

 

up

 

 

PAOLO MULATERO

 

up

 

 

FRANCO CORNO

 

up

 

 

FRANCO CAVALLO

 

up

 

CARLA ZOTTI

 

up

 

DONATO MUNNO

 

up

 


 

SECONDO ANNO:

 

PIER GIORGIO MONTAROLO

commenti: ci si mette un po' ad abituarcisi, all'inizio è un continuo interrogatorio su qualsiasi argomento e sembra che a non rispondere si rischi la morte. la sia parte di fisiologia è la più ostica e prima di imparare ad interpretare i grafici a colpo d'occhio ci si impiega parecchio tempo. Però il divertimento, gli aneddoti e le battute sono impagabili, sempre che non siate permalosi, sia chiaro. Alla fine le spiegazioni sono più chiare di quanto sembra e tra un aneddoto e l'altro i concetti restano ben impressi. Per chi ama le sfide è il prof. giusto da sorprendere.

vedi anche ipse dixit.

 

up

 

FILIPPO TEMPIA

 

commenti: sembra il prototipo del genio impacciato: qualche difficoltà a mantenere l'attenzione del pubblico e spiegazioni talvolta troppo tecniche, talora troppo dense e veloci, nel complesso difficile da seguire. cerca di fare il possibile per spiegare e integrare. All'esame non perde mai la calma, ma spesso fa precisazioni puntigliose.

 

up

 

FABRIZIO BENEDETTI

 

commenti: è facile lasciarsi affascinare dal modo in cui racconta la neurofisiologia come fosse una storia. Niente sembra troppo difficile, tutto è interessante. Peccato che poi si riveli introverso quando gli si parla a quattr'occhi e agli esami tenda a non guardarti, talvolta persino sembra non ascoltare.

 

up

 

MIRELLA GHIRARDI

 

 

commenti: estremamente didattica, forse la sua è la parte meno interessante della materia, molto mnemonica, ma si adopera per spiegare e semplificare i concetti. All'esame aiuta a ragionare e ricordare senza mai spazientirsi.

up

 

GIUSEPPE MIGLIARETTI

 

 

 

up

 

MIRELLA GIOVARELLI

 

 

 

up

 

CHIARA MERLINO

 

 

 

up

 

ANNAMARIA CUFFINI

 

 

 

up

 

 

PRIMO ANNO:


 

MARIA ITALA FERRERO




up

 

MARCO PICCININI

 




 

up

 

EMILIO HIRSCH





 

up

 

EMILIA TURCO





 

up

 

GUIDO TARONE





 

up

 

FERDINANDO DI CUNTO





 

up

 

MARIA TERESA RINAUDO





 

up

 

LIVIO TRUSOLINO





 

up

 

PAOLO COMOGLIO





 

up

 

FRANCESCO TURRINI





 

up

 

DARIO CANTINO





 

up

 

FABIO MALAVASI







up